Niclo Vitelli "Hop Frog"
ATTUALITA'

All’Altro Mare ore 18.30 “HOP FROG” con Niclo Vitelli

Nell’incontaminata spiaggia di Viareggio dello stabilimento “Altro Mare” il futuro anteriore degli anni della gioventù che cantava e lottava.

“…

C’era una volta un locale diranno i nostri lettori! Primo piano in un complesso edilizio ricostruito dopo la seconda guerra mondiale: poche stanzette e una terrazza! Non una balera, non una comune sala da ballo ma un locale trasformista, che assunse aspetti e forme diverse nel corso degli anni: locale di tendenza. Lì, tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio degli anni Ottanta, si sono alternate più generazioni di giovani e si sono esibiti numerosi artisti di generi di spettacolo diversi: quelli che la cultura dominante non promuoveva e molti di loro hanno spiccato il volo, sono riusciti a sfondare. Grandi e piccoli amori sono sbocciati, tante amicizie sono nate tra quelle pareti che assomigliavano proprio alla ‘stanza’ della famosa canzone di Gino Paoli che non aveva più pareti e lasciava vedere «il cielo sopra noi che restiamo qui abbandonati, come se non ci fosse più niente, più niente al mondo…».

“Oh Viareggio bella fata ti saluta il carnevale!”. Famosa canzone carnevalesca con le parole scritte nel lontano 1933 da due fiorentini, Giovacchino Ballini e di Ugo Canocchi: per un arcano destino il nostro racconto prenderà forma proprio dalla iniziativa di un altro fiorentino, che una trentina d’anni dopo s’innamorerà perdutamente della città! Un groviglio confuso, caotico e vorticoso: gli avvenimenti si susseguono senza sosta e legano vite ed esperienze in un’onda salmastrosa che monta impetuosa per poi infrangersi sulla battigia, generando il riflusso. Come nei vecchi teatrini dei burattini, per conoscere la storia e i protagonisti si deve alzare il sipario, prima che ce lo imponga il battimani degli spettatori incuriositi ed in trepida attesa. Quindi su… in fretta… andiamo… lo spettacolo ha inizio. Incominciamo!”….

Niclo Vitelli "Hop Frog"
in tutte le librerie