ARTE. Depero a Mantova dal 7 settembre

Dal 7 settembre 2022 al 26 febbraio 2023 Palazzo della Ragione a Mantova accoglie la mostra Depero automatico acrobatico.

Fortunato Depero (Fondo 1892 – Rovereto 1960), intelligente creatore dell’estetica futurista teorizzata in Ricostruzione futurista dell’universo, manifesto firmato con Giacomo Balla nel 1915. La mostra Riunisce circa 90 emblematiche opere comprese tra gli anni 1917 e 1938, periodo intensamente creativo
per Depero, e ricco di incontri e di nuove esperienze, molto rilevante nel suo percorso formativo e artistico.

La mostra è stata ideata da Electa in collaborazione con il Mart, Museo di arte moderna e
contemporanea di Trento e Rovereto, in esclusiva per gli spazi di Palazzo della Ragione. La cura è di
Nicoletta Boschiero, responsabile della Casa d’Arte Futurista Depero.

Nella sua lunga esperienza artistica Depero ha costruito una forma d’arte totale che ha spaziato dalla pittura al teatro, dalla scenografia alle arti applicate, dall’editoria alla pubblicità divenendo uno dei protagonisti del movimento futurista. La rassegna è un viaggio attraverso questi molteplici ambiti creativi, scandita in tre tappe geografiche del suo percorso artistico: Capri, Parigi, New York. A queste si aggiunge una sezione dedicata all’intensa collaborazione con l’azienda Campari.

A Capri, nel 1917, prende il via una delle stagioni più creative, quella legata all’avventura teatrale vissuta con il poeta svizzero Gilbert Clavel. In mostra numerosi disegni appartenuti allo stesso Clavel, in cui si definiscono forme e linee del segno di Depero. Esposto anche il capolavoro Meccanica di ballerina, e alcune bellissime chine dedicate alla novella gotica Un istituto per suicidi, preludio alla nascita dell’automa con lo spettacolo teatrale Balli plastici, che sarà messo in scena a Roma nel 1918.

A Rovereto nel 1919, finita la guerra, Depero fonda la casa d’arte – sempre affiancato dalla moglie Rosetta Amadori – specializzata nel settore della grafica pubblicitaria, dell’arredo e delle arti applicate e, in particolare, in quello delle tarsie in panno di cui in mostra alcuni magnifici esemplari. Questi prodotti avranno un grande successo a Parigi, all’Exposition internationale des arts décoratifs et industriels modernes del 1925.

Un’esperienza cruciale per Depero, che in quell’occasione assimila le potenzialità della promozione
pubblicitaria. Dopo i successi ottenuti nelle principali esposizioni nazionali e internazionali, Depero e la moglie si trasferiscono a New York nel 1928 aprendo la Depero’s Futurist House. Oltre a mostre personali, durante i due anni newyorkesi collabora per scenografie e costumi con teatri di Broadway; progetta arredi per interni e, soprattutto, è preminente l’impegno pubblicitario con collaborazioni per marchi di rilievo. Numerose le copertine e illustrazioni che disegna per American Printer, Vogue, Vanity Fair, di cui è esposta una selezione significativa.

    Proprio la pubblicità è l’ambito che consente all’artista di conseguire importanti incarichi e collaborare con diverse aziende, in Italia prima tra tutte quella di Davide Campari. L’ultima sezione della mostra ripercorre, attraverso numerosi esempi, quel lungo sodalizio che ha costituito una delle più interessanti e proficue collaborazioni tra Depero e il mondo aziendale. Attraverso i progetti per la pubblicità Fortunato Depero ha creato nuovi linguaggi espressivi, anche evidenziando il carattere particolare di scritte, titoli o insegne, scoprendo l’essenzialità architettonica che compone le cose.

    In mostra l’arte di Fortunato Depero è raccontata anche attraverso dei video realizzati grazie a
    documenti d’archivio. Si tratta di Balli plastici, Broadway New Babel e New York film vissuto. Quest’ultimo
    filmato riprende un’idea dello stesso Depero. Secondo le intenzioni dell’artista, l’esperienza newyorchese
    doveva essere raccontata attraverso un libro sonoro che avrebbe dovuto contenere numerosi aneddoti, foto, collage e dischi con la sua stessa voce. Il film in mostra ne riprende lo spirito e incorpora anche spezzoni girati proprio tra il 1929 e il 1930.

    Lo stesso principio si ritrova nelle pagine del catalogo, edito da Electa, in cui le opere dialogano con foto d’epoca, manoscritti e documenti composti con numerosi brani antologici. L’allestimento della mostra, su progetto di Massimo Curzi, nella grande aula di Palazzo della Ragione segue la cronologia delle tappe geografiche del percorso artistico di Fortunato Depero, segnato dall’immagine coordinata ideata dallo Studio Sonnoli.

    Info

    Da martedì a domenica dalle 10.00 alle 20.00 (chiusura della biglietteria alle 19.00). Chiusura settimanale lunedì, eccetto il 31 ottobre, 26 dicembre 2022, 2 gennaio 2023. Chiuso 25 dicembre 2022 e 1 gennaio 2023. – https://www.deperomantova.it/

    (Fonte: Ufficio stampa Electa)