AUTO – ExxonMobil e Porsche per studiare gli “e-fuel”

di CELESTINO PIO CASULA – Intercettare e stoccare la Co2 dispersa nell’aria e farla interagire con l’idrogeno per produrre metanolo.

Cosa è questa nuova famiglia di carburanti? Dove verranno prodotti per la sperimentazione?

Iniziamo a dire che la produzione avverrà nell’impianto pilota di Haru Oni in Cile. Più interessante è invece porre l’attenzione sui nuovi biocarburanti (Esso Renewable Racing Fuel) che, secondo gli studi del gruppo interno di ingegnerie e scienziati, saranno in grado di garantire bassissime emissioni di gas serra, utilizzando un carburante allo stato liquido. Già da quest’anno l’utilizzo sulle vetture del Porsche Mobil 1 Supercup. Ma non finisce qui, la sperimentazione corre su binari paralleli nuovi paradigmi chimico-fisici stanno portando gli scienziati a costruire molecole di carburante liquido, per intenderci una sorta di benzina, partendo da due elementi che certo non mancano in natura, l’idrogeno e l’anidride carbonica.

L’ambizioso progetto prevede di intercettare e stoccare la Co2 dispersa nell’aria ed in seguito farla interagire con l’idrogeno per produrre metanolo, dal quale poi si sintetizzerà il metanolo, per poi raffinarlo e giungere quindi ad un composto simile alla benzina.

Questa fase due della sperimentazione inizierà in ambito sempre sportivo dal 2022 (Esso Renewable Racing Fuel ver 2), Si prevede che l’e-Fuel potrebbe consentire di ottenere una riduzione delle emissioni di gas serra fino all’85% se utilizzato in combinazione con i carburanti attuali. La definizione del giusto mix tra e-fuel ed attuali carburanti saranno la sfida che verrà combattuta nei laboratori e verificata in pista.

I detrattori del motore endotermico sia quello di Eugenio Barsanti e Felice Matteucci che quello di Rudolf Diesel e Nikolaus August Otto sono serviti.

Ora non resta che vedere i risultati e la sperimentazione sul campo aperto, ovvero le auto di ciascuno di noi. Per concludere una ultima notizia dalla Exxon Mobil: “La ExxonMobil ha annunciato la creazione di un nuovo business, ExxonMobil Low Carbon Solutions, per commercializzare il suo ampio portafoglio di tecnologie a basse emissioni di anidride carbonica e ha programmato, fino al 2025, un investimento di 3 miliardi di dollari in soluzioni energetiche a ridotte emissioni. Già lo scorso anno, la ExxonMobil ha annunciato piani per la distribuzione di diesel rinnovabile in California e, potenzialmente, in altri mercati nazionali e internazionali a partire dal 2022”.