Home Cinema Tips - di Lorenzo Simonini Cinema Tips. ANGIO’.

Cinema Tips. ANGIO’.

by Lorenzo Simonini

Questa settimana diamo spazio nella nostra rubrica a una produzione cinematografica totalmente autoprodotta, grazie alla volontà di chi ha partecipato al progetto e a una campagna di crowdfunding che ha sostenuto il tutto.

Il progetto del film “Angiò” nasce dal gruppo musicale Le Onde Martenot di cui fa parte colui che ha curato la direzione e l’animazione. Leonardo Palmerini ci ha raccontato che l’idea risale al 2004, allo scopo di omaggiare l’arte di Lorenzo Viani. E proprio dall’artista di Viareggio sono ispirate le inquadrature di quest’opera, attraverso la ricostruzione di quadri o disegni. Stessa sfida si è presentata a livello di traduzione in inglese per i sottotitoli. Avendo Viani, infatti, narrato la storia in dialetto viareggino, il traduttore si è ispirato al lessico di Shakespeare.

Usando la tecnica del rotoscoping per creare un effetto grafico in stile “cartoon” ed elaborato in post-produzione con software specifici e processate con degli appositi filtri, questo lungometraggio si colloca in una particolare dimensione all’interno del panorama cinematografico non solo locale e nazionale, ma mondiale.

Il libro di Lorenzo Viani, pubblicato nel 1928, parla di Angelo Bertuccelli, marinaio di Viareggio minuto e deforme ma dal carattere orgolioso e testardo che consuma la sua vita lontano dalla cattiveria della gente che lo fa, ogni volta, cadere in un profondo vortice di disperazione.

L’opera cinematografica abbatte dei confini per collocare l’estetica del cinema in una nuova dimensione universale. Siamo di fronte a una pura visione artistica, espressione di quella sfera che raccoglie le nostre emozioni più profonde per catapultarci in un’affascinante novità. Non è solo cinema, non è solo videoarte. È qualcosa che supera la percezione dei nostri sensi e che ci fa vivere il dramma di quei personaggi e di quell’ambientazione storica e sociale sollecitando viscerali percezioni, come se fossimo in un viaggio onirico fatto di immagini mistiche che non appartengono più alla dimensione comune e terrestre.

Se normalmente riesco a inserire un lungometraggio in una precisa destinazione, qui, per la prima volta, sono di fronte a un’opera che va ben oltre i parametri dell’aspetto cinematografico e che è talmente suggestiva da lasciarmi dire che le immagini del film parlano da sole e non hanno bisogno di queste mie parole. Anzi, più ne parlo e meno ne rendo l’idea, perché questo film va vissuto pienamente con la potenza di ogni fotogramma.

Se Lorenzo Viani, con i suoi dipinti e il suo libro, ha lasciato un importante segno nella storia dell’arte, i realizzatori di questo lungometraggio scrivono un nuovo capitolo nel panorama del cinema e della videoarte.

You may also like

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accetto Continua a leggere

Privacy & Cookies Policy