Festival del Futuro, Verona
VERONA - di Giovanni Villani

La Seconda edizione del Festival del Futuro a Verona

di GIOVANNI VILLANI – Nei padiglioni di Verona Fiere, promosso dal Gruppo editoriale Athesis, Harvard Business Review e Eccellenze d’Impresa

Seconda edizione del Festival del Futuro a Verona, con numerosi temi all’ordine del giorno. Il festival – ospitato nei padiglioni di Verona Fiere – è stato promosso dal Gruppo editoriale Athesis, da Harvard Business Review e da Eccellenze d’Impresa, raccogliendo i consensi di un pubblico eterogeneo, interessato a gettare lo sguardo sul futuro, anche se oggi mai così caratterizzato dalle incertezze.

I temi trattati sono stati numerosi e differenti, a dimostrazione dell’interesse trasversale al centro di questa edizione: dalla salute, alla tecnologia, alle varie sostenibilità, tecnologie digitali, smart city, imprenditoria femminile, innovazione, agricoltura e vino. Temi diversi, ma con un denominatore comune: quello di essere declinati al futuro, anche se le attuali condizionati create dalla pandemia insegnano che il domani non sia scritto, “anzi potrebbe travolgerci”. Quindi l’imperativo è: dobbiamo trovarci pronti.

Per tre giorni Verona si è trasformata così nella capitale dell’innovazione con un Festival che ha puntato sul digitale per vincere la sfida. “Disegnare il nuovo mondo”: questo il titolo scelto per il festival – le fasi conclusive sono state affidate al ministro delle Politiche agricole Teresa Bellanova – che ha raccolto oltre 870 mila visualizzazioni.

I venti e più appuntamenti in calendario, tra dibattiti e interviste, hanno visto alternarsi oltre sessanta esperti e sono stati trasmessi in una diretta multipiattaforma sui siti del festival (festivaldelfuturo.eu), dei quotidiani L’Arena, Il Giornale di Vicenza e Bresciaoggi, delle tv TeleArena e TeleMantova, di Radio Verona, di Futura Network e dell’agenzia Ansa. I visitatori unici sono stati 265 mila, mentre il numero degli utenti che hanno visualizzato i contenuti sui social, ha sfiorato il milione, grazie alle varie fasi del Festival che si sono sviluppate attraverso le dirette su Facebook, You Tube, Instragram, la cronaca in tempo reale su Twitter con l’hashtag #FDF20. I video delle sessioni sono già disponibili sul canale You Tube www.youtube.com/c/-FestivaldelFuturo.

Gli esiti positivi del festival sono stati sottolineati delle dichiarazioni dei promotori: Enrico Sassoon, direttore di Harvard Business Review, Luigi Consiglio, presidente di Gea e di Eccellenze d’Impresa e Matteo Montan, amministratore delegato del Gruppo editoriale Athesis, che hanno sottolineato come gli approfondimenti di alto livello scientifico abbiano incontrato l’interesse di un pubblico vasto e generalizzato. “Siamo riusciti a creare valore in un momento molto difficile, dando un messaggio positivo e propositivo rispetto alle sfide che attendono l’Italia e il mondo. Una sfida vinta grazie alla collaborazione dei tanti sponsor, patrocinatori, partner scientifici e istituzionali locali, che hanno sempre creduto nel progetto”. Il Festival del Futuro ha contato anche sul patrocinio della Commissione Europea, della Regione Veneto, dei Comuni e delle Camere di Commercio di Verona, Vicenza e Brescia e su partner istituzionali quali la Confindustria di Verona, di Vicenza e di Brescia.