ATTUALITA', CAMPO DI MARTE - di Aldo Belli, FOCUS

Porto. GDG ha paura e scivola sulla buccia di banana

di ALDO BELLI – Sindaco di Viareggio diserta il confronto con gli altri candidati sindaco sul Porto e con un video diffama gli organizzatori

Le parole insegnano, gli esempi trascinano, solo i fatti danno credibilità alle parole. Per quest’oggi la Cooperativa Porto Turistico di Viareggio ha organizzato un incontro pubblico con i candidati sindaco sul futuro del Porto. Il signor Giorgio Del Ghingaro, sindaco uscente e candidato, per l’ennesima volta violando la legge ieri pomeriggio ha pubblicato un video per rispondere della sua assenza all’incontro. E’ nota la instabilità di carattere del personaggio, pronto a perdere le staffe ogni qual volta qualcuno lo richiami alle sue responsabilità: normalmente accade in privato, protetto dalle mura domestiche, stavolta invece la pressione elettorale e la paura probabilmente hanno fatto superare la soglia del termometro. Meglio di ogni parola, riproponiamo il passaggio del video.

Di seguito pubblichiamo la replica degli interessati.

Per quanto ci riguarda, ci limitiamo solo a queste osservazioni. 1) L’incontro è stato organizzato non “da questo signore” come dice Del Ghingaro, ma da una organizzazione di cittadini di Viareggio che da anni vive la realtà del porto, la Cooperativa Porto Turistico di Viareggio. 2) Se “questo signore” dichiarato pubblicamente moroso e abusivo è tale, non si capisce perché da tre anni il Comune non l’abbia sfrattato dalla banchina con annesso decreto di pignoramento. 3) A Lavrentij Pavlovič Berija bastava un’occhiata di dissenso per infangare una persona e condannarla in Siberia. La verità è che il signor Del Ghingaro non avrebbe mai partecipato a questo confronto pubblico perché la Cooperativa organizzatrice in questi anni ha manifestato le proprie critiche alla sua gestione del porto turistico. E quindi, come Beria… (PS: per corretta informazione dei lettori dobbiamo rettificare della dichiarazione stampa che pubblichiamo la qualifica di ‘commercialista’ del signor Del Ghingaro che viene indicata, non risultando iscritto all’Albo né dei Ragionieri né dei Dottori Commercialisti e Esperti Contabili della Circoscrizione del Tribunale di Lucca o altrove).


La dichiarazione stampa del Consiglio di Amministrazione della Cooperativa Porto Turistico di Viareggio

(10 settembre ore 22.43)

Abbiamo visto increduli il video postato su facebook dal sindaco uscente Giorgio del Ghingaro relativo all’incontro dei diportisti con la città, promosso da questa cooperativa e previsto per domani venerdì 11 Settembre 2020 ore 17:00 al Cinema Centrale di Viareggio. E’ un evidente tentativo di distrarre i partecipanti dal confronto sulle tematiche del Porto, per concentrarlo su elementi estranei alla discussione o in alternativa far fallire l’iniziativa. Ancora una volta del Ghingaro si sottrae al confronto e per farlo preferisce insultare e dileggiare le persone invece di avanzare proposte sul futuro del Porto di Viareggio, come invece faranno i partecipanti in rappresentanza delle categorie economiche, politiche, professionali e sociali che numerosi hanno dato l’adesione all’iniziativa. Saranno presenti Cantieri Nautici, la rappresentanza dei pescatori, degli artigiani, il sindacato, le forze politiche e i candidati al ruolo di Sindaco della città. E’ la dimostrazione lampante che di un confronto sui temi del Porto ce n’è proprio bisogno e che questo percorso deve proseguire per il bene di Viareggio. Sbaglia il sindaco uscente a defilarsi per l’ennesima volta e sbaglia a mascherare la sua incapacità di ascoltare le opinioni altrui, tanto più se diverse, dileggiando gli organizzatori dell’evento. Se sono vere le cose che va dicendo su alcuni dei nostri soci perché non li cita in giudizio? O non è necessario perché la sentenza è già stata emessa e il giudice è lui? Da tempo la partecipata del Comune ICare sta tentando di allontanare dall’Approdo de La Madonnina i portatori del contratto a valenza pluriennale e tariffe più basse, minacciando i nostri soci. Non sa del Ghingaro, valente commercialista che comprando all’asta il ramo d’azienda di Viareggio Porto stava acquisendo anche i contratti dei dipendenti e dei diportisti? Eppure basta leggere il bando d’asta!… Domani porteremo a conoscenza della platea del cinema Centrale questi e altri temi relativi all’ormeggio de La Madonnina. Ma il Porto nella sua complessità è ben altra cosa e noi vogliamo dire la nostra sul tutto, perché siamo semplicemente cittadini, piaccia o non piaccia al sindaco uscente. Dimenticavamo un’altra bugia. Abbia il coraggio di dire la verità sul perché domani non sarà presente, come ci ha riferito il vicesindaco! Domani sveleremo anche questo, ma è abbastanza intuitivo. (Il Consiglio di Amministrazione della Cooperativa Porto Turistico di Viareggio)


Dichiarazione dell’Avv. Leonardo Dell’Innocenti, legale della Cooperativa Porto Turistico Viareggio

Mi stupisce vedere un sindaco che, in un video e rigorosamente senza permettere il contraddittorio, decide di erigersi a Giudice affermando che alcuni diportisti sarebbero morosi. Come spesso accade, parlando da solo, il Sindaco non permette alle controparti di controbattere pertanto, per tutelare gli interessi dei miei assistiti, mi trovo costretto a dissentire e contestare integralmente il suo assunto. In realtà, i miei clienti, sono in possesso di un regolare contratto stipulato con Viareggio Porto Spa e in tale contratto è subentrata, ad ogni effetto di legge, la nuova proprietà I-care Srl. Tale contratto è da considerarsi assolutamente valido e operante tra le parti pertanto anche Icare srl – e quindi anche il sindaco uscente – dovranno rispettarlo. I miei clienti hanno regolarmente pagato le tariffe ivi contenute pertanto non corrisponde a verità che gli stessi non avrebbero pagato pertanto la morosità affermata dal sindaco uscente, semplicemente, non esiste. Concludendo sono a sottolineare come il sindaco uscente, da quando I-care ha acquistato l’approdo della Madonnina e altre due piccole concessioni (non il porto come erroneamente afferma) attacca periodicamente e pubblicamente i miei assistiti ma non ha dato seguito ad alcuna azione giudiziaria se non ad alcune lettere minatorie che sono state puntualmente contestate. Ribadisco pertanto che i miei clienti hanno un contratto operante e valido che è stato regolarmente onorato, il Sindaco non è un Giudice, se vorrà contestare qualcosa lo faccia nelle opportune sedi e non in un monologo sui social.

(foto: succo – licenza pixabay https://pixabay.com/it/photos/incidente-lesioni-rischio-994009/ )