Tomaso Kemeny, poeta
ATTUALITA', CULTURA E ARTE - di Giuseppe Rudisi

Premio LericiPea-Edizione 2021

di GIUSEPPE RUDISI – Tre giorni di manifestazioni di alto rilievo, si parte venerdì 20 agosto alle 18 in piazzetta San Giorgio.

Dopo l’edizione in streaming dello scorso anno il Premio LericiPea-Edizione 2021 ritorna in presenza sviluppando le sue varie espressioni artistiche in un programma suddiviso in tre serate da vivere intensamente nelle più suggestive location di Lerici (SP).

Il momento clou delle molteplici manifestazioni sarà la consegna del Lerici Pea-Premio alla Carriera 2021 al Poeta ungherese Tomaso Kemeny che, Sabato 21 Agosto dalle ore 18, dialogherà con il Presidente della Giuria Giuseppe Conte nell’incantevole scenario lericino di Villa Marigola (“casa” del premio “alla Carriera” da 25 anni) che verrà messa a disposizione dalla Fondazione Carispezia. La prestigiosa onorificenza, unica in Italia nel suo genere, è conferita annualmente a una delle massime voci della poesia internazionale contemporanea sulla base di un’attenta selezione operata da una qualificata giuria composta oltre che dal poeta Giuseppe Conte da Massimo Bacigalupo, Giuseppe Benelli, Manuel Cohen, Francesco Napoli, Roberto Pazzi, Stefano Verdino.

A scorrere l’albo d’oro del Premio LericiPea alla Carriera vengono i brividi poiché tra i premiati spiccano eccelsi poeti di fama mondiale come la russa Sedakova, insignita lo scorso anno, ma anche Evtusenko, Ferlinghetti, De Angelis, Dario Bellezza, Luzi, Sanguinetti, Bertolucci e molti altri. Ricordiamo che sul lungomare tra Lerici a San Terenzo sono stati installati 33 leggii in acciaio ognuno dei quali presenta ai passanti ciascun poeta premiato alla Carriera dalla Giuria del Premio.

La cerimonia di premiazione del poeta Tomaso Kemeny sarà preceduta da un concerto di musica ungherese eseguito da Ylenia Volpe (fisarmonica) e Roberto Arnoldi (violino); dopo la lettura delle motivazioni, sarà possibile conoscere di persona l’artista premiato che, oltre alla poesia, nel corso del suo lungo e fecondo percorso di vita, si è dedicato in modo significativo al teatro, alla narrativa, alla saggistica, alla traduzione di nonché all’insegnamento come Professore di letteratura inglese presso l’Università degli Studi di Pavia.

William Wall, poeta

Il programma della tre giorni del Premio LericiPea prevede molte altre manifestazioni di alto rilievo. Si partirà venerdì 20 agosto alle 18 in piazzetta San Giorgio accanto al Castello di Lerici: sarà premiato il poeta William Wall per la sezione “AngloLiguria” per ricordare che il Golfo dei Poeti, deve la sua fama nel mondo, grazie anche alla presenza di Poeti e scrittori di lingua inglese come Percy Bysshe Schelley, Lord Byron, Henry James e D.H. Lawrence che con la compagna Frieda ospitarono a Fiascherino Lascelles Abercrombie e i poeti W. Wilson Gibson e Robert C. Trevelyan.

William Wall è un poeta e romanziere irlandese che ha scelto la Liguria, in particolare Camogli, come suo luogo del cuore. Dopo un medley di musiche irlandesi egli dialogherà con Massimo Bacigalupo e Adele D’Arcangelo. Nello stesso luogo ma alle 21 grande spazio al Sommo Poeta Dante Alighieri nell’anniversario della sua morte. Verrà presentato l’originalissimo “Dante in Love” l’ultimo libro di Giuseppe Conte. Nello stesso luogo ma alle 22 si assisterà a un grande esperimento di “Teatro Poesia“, volto a coniugare drammaturgia in versi e scrittura scenica. L’artefice sarà Matteo Taranto, attore e regista teatrale di scuola genovese, accompagnato dalle “suggestioni musicali” di Matteo Cremolini; saranno proposte alcune letture, scelte tra tre rivisitazioni della Commedia elaborate dai poeti Mario Luzi, Edoardo Sanguineti e Giovanni Giudici, non a caso tutti e tre premiati a suo tempo dal LericiPea alla Carriera.

(foto: Premio LericiPea – M.G. Calandrone: Musaccio Ianniello & Pasqualini)

Maria Grazia Calandrone, scrittrice

La premiazione per la Sezione Edita si terrà Sabato 21 agosto alle ore 18a Villa Marigola, ne verrà fregiata la poetessa e scrittrice milanese Maria Grazia Calandrone che nel 2021 ha pubblicato il romanzo “Splendi come vita” finalista al recente Premio Strega.

Giuseppe Rinaldi in arte Kaballà

Domenica 22 Agosto alle 21 verrà consegnato il Premio LericiPea-Sezione Cantautorale-Paolo Bertolani a Giuseppe Rinaldi in arte Kaballà che si esibirà nel Parco Shelley di San Terenzo in uno spettacolo di musica e poesia con la partecipazione del Maestro Antonio Vasta.

Kaballà è un’artista di fama internazionale, grazie alle notevoli collaborazioni, dal cinema al musical, dalla lirica al pop world e ai consensi di critica e pubblico. Le sue canzoni sono autentiche poesie che coincidono sapientemente con l’arte antica del verso e della rima popolare derivata dall’ottava siciliana, dagli stornelli e dagli strambotti.

L’organizzazione del Premio affidata allo Studio Nealine ricorda che per ogni evento è necessaria la prenotazione [email protected],www.lericipea.com, tel.3492473990 e per accedere agli spettacoli va esibito il Green Pass o tampone.

Premio LericiPea “alla Carriera” 2021 a Tomaso Kemeny

Tomaso Kemeny, ungherese di nascita, italiano per scelta e per amore, cosmopolita per vocazione, è un grande protagonista della poesia e della cultura italiana degli ultimi decenni. Partito da una adesione appassionata alle forme più libertarie delle Avanguardie novecentesche, Dadaismo, Surrealismo, Kemeny ha man mano elaborato una sua personale poetica del Sublime e della Bellezza. Della Bellezza, è diventato un apostolo, e il suo grido byroniano e mitomodernista “Fight for Beauty” è risuonato tante volte in Italia e in Europa. Kemeny ha una impressionante vocazione a padroneggiare più stili. Poeta lirico, ed essenzialmente autore di bellissime poesie d’amore, Kemeny è grande anche quando sceglie la forma lunga del poema, dove si cimenta in straordinari affondi epici e onirici come nella Transilvania liberata, o in un gioioso, bacchico, rossiniano esercizio metrico e satirico come nel Poemetto gastronomico. Ad ampliare ancora il raggio del suo lavoro, Kemeny, illustre anglista, è anche traduttore, teorico della poesia, e autore di romanzi di cui la poesia è il cuore, uno sul mito di Don Giovanni, uno sulle sue memorie a partire dall’infanzia ungherese, in un paese devastato dalla guerra. Spirito libero, sensibilissimo, gioioso, generoso, Kemeny è uno di quei rari poeti che coniugano inscindibilmente arte e vita, poesia e umanità. La sua battaglia per la Bellezza è una battaglia per rendere più bella e umana la nostra esistenza, e per mostrarci in essa il brivido misterioso del cosmo.

(foto: Premio LericiPea – MG.Calandrone: Musacchio Ianniello & Pasqualini)