«Questi è il Figlio mio, l’amato»

Appena battezzato, Gesù uscì dall’acqua: ed ecco, si aprirono per lui i cieli ed egli vide lo Spirito di Dio discendere come una colomba

In quel tempo, Gesù dalla Galilea venne al Giordano da Giovanni, per farsi battezzare da lui.

Giovanni però voleva impedirglielo, dicendo: «Sono io che ho bisogno di essere battezzato da te, e tu vieni da me?». Ma Gesù gli rispose: «Lascia fare per ora, perché conviene che adempiamo ogni giustizia». Allora egli lo lasciò fare.

Appena battezzato, Gesù uscì dall’acqua: ed ecco, si aprirono per lui i cieli ed egli vide lo Spirito di Dio discendere come una colomba e venire sopra di lui. Ed ecco una voce dal cielo che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento».  Mt 3, 13-17

Dopo l’Epifania in cui Gesù si è manifestato ai Re Magi guidati dalla stella, oggi durante il Battesimo ricevuto da Giovanni sono molteplici i segni visibili: si aprono i cieli, lo Spirito come una colomba si posa su Gesù e la Voce del Padre afferma: ”Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento”. E’ il Padre stesso che manifesta la sua relazione con il Figlio e ciò che dice e fa il Figlio è la volontà del Padre. Quel bambino contemplato in questi giorni è “il Dio con noi”, venuto perché il mondo conosca la volontà del Padre che è sempre il Vero Bene dell’uomo. Più ci avviciniamo a Lui, più il senso della nostra vita acquista un significato profondo, riportandoci a quella condizione della creazione, dove senza peccato, la Pace dell’uomo e della donna era completa. E’ Gesù il compiacimento del Padre e quindi la realizzazione piena dell’esistenza per ogni uomo. Lui guarisce, libera, salva e dona la resurrezione a chi crede in Lui. Che questo nuovo anno sia illuminato dalla Fede riscoperta o fatta crescere in noi, alla luce del Vangelo Via, Verità e Vita.

IL SIGNORE VI BENEDICA

(Foto: https://pixabay.com/it/photos/chiesa-finestra-1585803/)