Rigassificatore. I 5 Stelle da Piombino a Firenze

Silvia Noferi e i consiglieri comunali di Piombino Pasquinelli e Orlandini: ricusare il responsabile del Procedimento per Piombino.

Il Gruppo Consiliare Regione Toscana del M5S ha presentato un’istanza di ricusazione del Dott. Edo Bernini, quale responsabile del Procedimento Unico ai sensi dell’Art. 5 del D.L. 50/2022 “Emergenza gas incremento della capacità di rigassificazione: FRSU Piombino e collegamenti alla rete nazionale gasdotti”.

“Il Dott. Bernini, già direttore della Direzione Ambiente ed Energia della Regione Toscana” dichiara il consigliere regionale Silvia Noferi “è sotto indagine per abuso di ufficio nell’ambito dell’inchiesta “KEU” con le motivazioni: “per conseguire un ingiusto vantaggio patrimoniale consistente nel non adeguare gli impianti alla necessità di abbattimento o trattamento degli inquinanti e nel proseguire nella gestione dei rifiuti e degli scarichi del depuratore a costi ridotti”.

Parole pesanti, senza peli sulla lingua come normale per Silvia Noferi. Ci auguriamo che qualcuno risponda con la medesima chiarezza, e TOSCANA TODAY non mancherà di ospitarlo. La questione sollevata non è di poco conto per la trasparenza del governo regionale.

Silvia Noferi insieme ai consiglieri comunali di Piombino del Movimento 5 stelle Daniele Pasquinelli e
Emanuele Orlandini
, sottolineano nel documento presentato ufficialmente in Regione che “ad oggi non è
stata ancora dimostrata la totale innocenza rispetto al reato per cui è indagato l’ex direttore nell’indagine KEU. Data la risonanza nazionale e la particolare delicatezza del procedimento inerente il rigassificatore di Piombino e, non ultima, considerata la necessità di salvaguardare il prestigio e l’imparzialità dell’Amministrazione Regionale” dichiarano ancora, ” la figura del Dott. Bernini non può più ricoprire il delicato ruolo assegnatogli dal Presidente Giani”.

Ecco quindi la richiesta presentata al governo della Toscana: “Pertanto chiede “di procedere alla ricusazione del dott. Edo Bernini nel ruolo di Responsabile del Procedimento Unico e della delega a Presidente della Conferenza dei Servizi per il rilascio dell’autorizzazione all’installazione della nave
rigassificatrice nel porto di Piombino, Conferenza dei Servizi che si riunirà per la prima volta lunedì 19 settembre. Il M5S ha ben presente la pesante situazione socio economica in cui versa il territorio
di Piombino ed ha più volte denunciato, a tutti i livelli di rappresentanza, l’inadeguatezza del sito per l’installazione del rigassificatore, ciò nonostante non ritiene che basti limitarsi alla denuncia e continuerà a vigilare fattivamente su tutto l’iter procedurale”.