SERAVEZZA – Campagna sicurezza strade montagna

Parte campagna di sicurezza. Taglio piante pericolose e piantumazioni. Incoraggiamento per olivi, piante da frutto e ornamentali

È partita in questi giorni la campagna di ripristino della sicurezza per la strada della montagna seravezzina e per i fiumi Serra e Vezza, con il taglio di piante pericolose e infestanti che saranno sostituite da altre piante come olivi, alberi da frutto e specie ornamentali.

La campagna di sicurezza e riordino del territorio prende avvio con una iniziativa straordinaria di taglio delle piante eccessivamente accresciute e pericolose per il versante e quindi per la circolazione dei mezzi. Le operazioni sono partite da Riomagno a salire verso Azzano, per poi estendersi agli altri paesi lungo la strada della montagna.

I lavori prevedono la rimozione dei rovi e il taglio delle piante alte e pericolosamente inclinate, attraverso un’operazione di taglio ma anche di riordino delle aree interessate dal percorso stradale.

Il sindaco Lorenzo Alessandrini intende infatti scongiurare il più possibile una successiva ricrescita della vegetazione infestante sui fronti di strada, e per questo lancerà un’iniziativa di piantumazione di olivi e alberi da frutto che vadano a sostituire le piante rimosse e a ripulire ed arredare i poggi sulla strada.

Il sindaco Alessandrini

“Si tratta di interventi dettati da motivi di sicurezza – spiega Lorenzo Alessandrini – ci sono piante che hanno 20 o 30 anni e che andavano già tagliate da anni e che quindi adesso sono diventate davvero pericolose per i fili, per i pali, per i guardrail ma soprattutto per i cittadini che transitano ogni giorno su queste strade. Si tratta di una vegetazione infestante, in particolare per la presenza dei cosiddetti puzzoni, del sambuco, talvolta di castagni completamente seccati dall’edera e pini divenuti molto pericolosi in quanto già inclinati per la loro tipologia di apparato radicale”.

Ma ovviamente non si tratterà solo di tagli e pulizia, dato che è in programma un’opera di nuove piantumazioni che potranno essere accompagnate anche dalla collocazione di opere d’arte, attraverso un progetto da realizzare con la collaborazione di Cibart.

Questa campagna di sicurezza del territorio porta con sé anche l’obiettivo di invogliare i proprietari a tenere pulite le aree di propria pertinenza, contribuendo così al riordino e all’arredo della viabilità. “A questo proposito – aggiunge il sindaco – uno studio catastale molto accurato, effettuato dall’Ufficio tecnico, distinguerà le aree boscate da quelle classificate come seminative, per individuare i migliori posizionamenti possibili delle eventuali nuove essenze”.

Parallelamente all’iniziativa sulle strade, il Consorzio di bonifica Toscana Nord, su richiesta del Comune e d’intesa col Genio Civile, ha finanziato un progetto di manutenzione straordinaria dell’alveo del fiume Serra e di alcuni tratti del Vezza per un importo di 100.000 euro, che verrà eseguito dall’Unione dei Comuni. 

“L’alveo e le sponde del Serra – conclude Alessandrini – avevano in effetti bisogno di un consistente intervento di pulizia dopo tanti anni di mancata manutenzione. Di questa difficile condizione si è già potuto prendere coscienza in occasione del primo intervento, effettuato in prossimità del parcheggio di Riomagno-Malbacco, dove sono state rimosse piante alte anche venti metri, ormai pericolose sia per la sicurezza idraulica che per le persone che frequentano il fiume”.

9 aprile 2022