SERAVEZZA – Il Giorno del Ricordo a Querceta

Il Percorso della Memoria: celebrato il Giorno del Ricordo. Riccardo Tarabella: «L’Europa sia il nostro baluardo di civiltà»

«L’Europa come baluardo di civiltà, unità, inclusione e fratellanza tra i popoli, contro il riaffermarsi di nazionalismi e ostilità, contro il ripetersi di tragedie come quella delle foibe e dell’esodo degli italiani di Istria, Fiume e Dalmazia dopo il secondo conflitto mondiale». Così il sindaco Riccardo Tarabella stamani a Querceta nel Giorno del Ricordo. Una cerimonia che, causa Covid e pioggia, si è svolta in forma molto semplice presso il parco pubblico di via Federigi intitolato proprio alle vittime delle foibe e agli esuli delle terre orientali, presenti anche la vicesindaco Valentina Salvatori, il presidente del Consiglio comunale Riccardo Biagi, il consigliere Elena Luisi e rappresentanze della Polizia municipale, dei Carabinieri di Querceta, degli Alpini e dei Marinai d’Italia di Seravezza.

Dopo l’apposizione di una coccarda tricolore e l’omaggio alle vittime e agli esuli con un minuto di raccoglimento il sindaco ha fatto cenno agli avvenimenti storici e rivolto il suo appello: «Guardiamo all’Europa e viviamo nella nostra casa comune respingendo i nazionalismi e gli odi razziali che portarono il continente alla guerra e alle violenze di cui i nostri connazionali dell’Istria, della Dalmazia e di Fiume furono vittime. Io stesso ho vissuto sulla mia pelle quella terribile esperienza. Con la convinzione e la forza che ne ho derivato dico che il Giorno del Ricordo e luoghi come il parco pubblico in cui oggi ci troviamo devono essere simboli della nostra fermezza nel difendere la pace e le buone relazioni fra i popoli».

(Fonte e Foto: Uff. Stampa Comune di Seravezza)