Cronaca della Versilia, IN TOSCANA

SERAVEZZA – Il Percorso della Memoria

Un omaggio verso Aldo Moro domenica 9 maggio nella Giornata nazionale in memoria delle vittime del terrorismo

La Giornata nazionale in memoria delle vittime del terrorismo sarà celebrata a Seravezza con la deposizione di una corona d’alloro in piazza Aldo Moro a Querceta. La cerimonia si terrà domenica 9 maggio alle 11:00 alla presenza delle autorità. Nel rispetto delle norme per il contenimento della pandemia da Covid-19 i cittadini sono invitati a partecipare.

Il presidente Biagi

«La delicata situazione sanitaria che stiamo affrontando ci costringe per il secondo anno a vivere questa importante ricorrenza in forma molto contenuta e senza poter coinvolgere come vorremmo la comunità e soprattutto i nostri giovani», dice il Presidente del Consiglio comunale Riccardo Biagi. «È un vero peccato, perché le Amministrazioni comunali di Seravezza, le precedenti e quella attuale, hanno sempre colto questa occasione per stimolare l’interesse dei ragazzi e per trasmettere loro alcuni basilari concetti di educazione civica quali il valore della legalità, il rispetto delle idee e dei diritti di ogni persona, baluardi di un Paese democratico, pluralista ed inclusivo come l’Italia deve essere. Con molto rammarico, negli ultimi due anni abbiamo anche dovuto interrompere la consuetudine di quella sorta di “via crucis laica” che nella Giornata in memoria delle vittime del terrorismo ci portava, nella stessa mattina, a far tappa nei luoghi del nostro Comune intitolati ai giudici Falcone, Borsellino e Caponnetto, ai giornalisti Peppino Impastato e Ilaria Alpi, allo statista Aldo Moro, tutti raccolti a Querceta nel raggio di poche centinaia di metri. Quest’anno limiteremo la cerimonia alla sola piazza Aldo Moro, ricordando anche il 43° anniversario dell’uccisione dell’allora Presidente della Democrazia Cristiana, avvenuta per mano delle Brigate Rosse il 9 maggio 1978. Con la speranza che già a partire dal prossimo anno le celebrazioni possano essere ripristinate nella loro interezza».