SERAVEZZA – Ultimatum casina acqua Pozzi

Se non riattivata entro 15 giorni, revoca concessione. Bernardi: “Una situazione non più tollerabile per ritardi ingiustificabili”

Se la casina dell’acqua di Pozzi non verrà attivata entro quindici giorni, l’amministrazione comunale revocherà la concessione all’azienda cui è stata affidata la gestione.

La decisione arriva dopo un lungo tempo di attesa durante il quale, nonostante il diretto interessamento del vice sindaco Adamo Bernardi e le ripetute promesse di attivazione da parte dei gestori, non si è giunti alla tanto attesa e doverosa messa in funzione.

Come si ricorderà, la casetta dell’acqua era stata trasferita dalla precedente localizzazione, in piazza Quiriconi vicino alla Pubblica Assistenza, su richiesta dei cittadini in quanto sacrificava posti auto nel centro del paese e arrecava disagi alla viabilità della zona.

L’amministrazione Alessandrini, recependo queste richieste, nell’autunno scorso aveva provveduto allo spostamento nel parco pubblico “Ferdinando Imposimato”, lungo via Martiri di Sant’Anna dove si trova anche un idoneo parcheggio, sollecitando al contempo i gestori di metterla rapidamente in funzione.

Lo stesso vice sindaco Bernardi aveva promosso sopralluoghi con Enel e Gaia per accelerarne l’attivazione, trattandosi peraltro di un servizio molto atteso dai cittadini.

L’assessore Bernardi

“Nonostante il diretto interessamento da parte del Comune – spiega l’assessore Adamo Bernardi – ci troviamo a mesi di distanza senza che la casina dell’acqua sia entrata in funzione. A questo punto non possiamo consentire che si protragga oltre un ritardo ingiustificabile e quindi intollerabile. Per questo motivo, se la ditta che ha la convenzione non sarà in grado di attivarla rapidamente, tra quindici giorni le revocheremo la convenzione. I cittadini hanno tutte le ragioni a manifestare insofferenza per una situazione paradossale, trattandosi peraltro di un servizio importante, utile a ridurre i rifiuti in plastica con evidenti vantaggi per la tutela ambientale, oltre ad offrire l’acqua a un prezzo molto vantaggioso”.

6 settembre 2022