Cronaca della Versilia, IN TOSCANA

VIAREGGIO – Denuncia dopo ispezione al canile

La denuncia di Marcucci (FdI) dopo l’ispezione Asl: “Sul canile si poteva intervenire prima. Amministrazione sorda. Ora c’è da spendere”

‘Dopo l’ispezione Asl al canile comprensoriale, il comune di Viareggio dovrà spendere 50mila euro per mettere insicurezza igienica la struttura: ma le segnalazioni che venivano fatte da tempo perché l’amministrazione comunale le ha ignorate?’

Christian Marcucci, responsabile tutela animali per il Circolo Fratelli d’Italia di Viareggio, porta alla luce le tante proteste che, anche via social, erano state fatte dai cittadini.

‘In questi ultimi tempi – racconta – al nostro Dipartimento erano già arrivate segnalazioni un po’ sconcertanti, riscontrate anche su alcuni gruppi social, in merito al comportamento poco collaborativo di chi gestisce il canile: c’è chi ci ha esternato forti difficoltà per fare un’adozione, chi non ha ottenuto risposte pur chiamando ripetutamente, chi e’ stato tenuto a lungo sul cancello della struttura pur chiedendo di poter vedere se fosse presente un animale smarrito. E chi e’ riuscito ad adottare cani risultati pieni di parassiti e in condizioni di salute non ottimali. Possibile che l’amministrazione comunale fosse all’oscuro di tutto questo?

Mi risulta che siano state fatte anche segnalazioni dirette via pec al sindaco, ma nessuno si e’ interessato. E così si e’ atteso che piombasse il provvedimento Asl che significa altri soldi dei cittadini da impiegare sul canile. Inconcepibile se pensiamo che il Comune già paga la bellezza di € 13.761,295 al mese per la gestione della realtà comprensoriale: con quei soldi non è ammissibile tenere gli animali in quello stato. Un piccolo passo – conclude Marcucci – per essere più vicini alle esigenze dei cittadini potrebbe intanto essere l’apertura di una pagina social in cui vengono pubblicate tutte le presenze di cani e gatti e tutti i recuperi sul territorio della Versilia in tempo reale in modo da favorire un rapido reinserimento degli animali nelle famiglie. Ma anche per garantire un risparmio: i recuperi sono per la maggior parte di gatti vittime di incidenti stradali e più e’ celere l’individuazione del proprietario e prima i costi medici vengono sostenuto da quest’ultimo’.

(Foto: https://pixabay.com/it/photos/beagle-cane-bloccato-canile-938012/)