Luky nel parco di Villa Borbone (Viareggio)
DIARIO - di Moreno Bucci, OPINIONI

A spasso con Google Maps

In questi giorni di clausura, sono andato a rivisitare il mondo (cioè la mia città) con Google, e Street View che spesso non è aggiornato…

Google Maps ci permette, in questi giorni di clausura di “rivisitare” il mondo che conosciamo, oltre che a visitare l’incognito. Quello che poi è carino, lo “street view” spesso non è aggiornato, così possiamo “rivisitare” il mondo.

Si può uscire poco: prendiamoci allora la libertà di riscoprire un po’ Viareggio.

Clicco sul piazzale Pea e d’infilata si para la Via Petrolini, con il Politeama non ancora chiuso e isolato. Sul molo non c’è ancora la “barchina” che appesta l’aria di fritto; fa bella mostra di sé la ruota panoramica, la passeggiata, dal molo a piazza Mazzini, è semivuota, quasi come oggi, però è giovedì e c’è il mercato, strapieno. Sul viale Manin sfrecciano poche automobili.

Su Via Buonarroti sembra oggi: le riprese sono dell’ottobre 2018 e non c’è nessuno e le auto parcheggiate pochissime. In via Fratti, invece è ancora giugno e c’è, naturalmente, mercato: il banco di Bagnoli offre Pecorino di Gavoi – 5 anni in grotta – a 20 euro e “olio decente” a 12,60. In via Machiavelli, invece, è ottobre e si presenta come all’epoca della pandemia: una coppia e nient’altro.

Il Comune è chiuso, passa una coppia col cane e Cronos, la bella opera di Marcello Pietrantoni, fa la guardia.

Anche al vialone non c’è un’anima.

Al Moletto (“Molo marinai d’Italia” e non “muraglione” come l’hanno storpiato da alcuni anni in qua) è giugno e c’è pieno di gente alla spiaggia libera. Ma era il 2012!

Nella zona dei cantieri, “Codecasa, Vermarine, ecc.”  siamo nel luglio 2017. E ora di pausa, operai chiacchierano, alcuni seduti a terra fumano, forse dopo aver pranzato.

Al “Parco commerciale La Burlamacca” (ottobre 2018) ci sono già la Conad e l’Euronics e troneggia il Mc Donald’s.

Alla Cittadella c’è la promozione dei cinque corsi del 2019. Anche sul Viale Capponi è ottobre, ma non mancano gli amanti dell’aria buona e della bellezza.

Alla rotonda di fronte agli “amici della Migliarina” c’è aria di pandemia: solo una persona col cane. Villa Borbone, nell’ottobre 2018, però è aperta, anche se Google Street non c’è entrata. Appena clicco sul cippo mussoliniano di fronte, però, la scena cambia repentinamente, mostrandomi il cartello della pizzeria in vendita. Se poi clicco direttamente l’entrata della villa, ci si trova nel settembre 2019 e Villa Borbone è chiusa.

A Torre del Lago, oggi, non vado. Faccio un giro al Varignano. In via 8 marzo, nel luglio 2017,  c’era ancora la sala “Salvador Allende”. Mi soffermo poi sul Quartiere Apuania, lungo il canale Burlamacca. Si svelano le palme lungo il canale: belle possenti, rigogliose. Peccato che anche qui fosse il giugno del 2012. Dopo le hanno fatte morire per non volerle curare.