CAMAIORE – Convenzione Di-segno Comune

Medico a Casoli e attrezzoteca a Valpromaro: convenzione Comune e Coop. Il Girasole per il progetto Di-segno Comune

Riapre l’ambulatorio medico a Casoli e nasce l’attrezzoteca a Valpromaro. Questa mattina l’Amministrazione Comunale e la Cooperativa Sociale Il Girasole hanno firmato l’accordo per la concessione gratuita di due immobili, inseriti nella rete del progetto “Di-segno Comune”, con l’obiettivo di ricreare e gestire spazi comuni, fornire importanti servizi e valorizzare le risorse territoriali, in particolare delle zone collinari.

Due i contratti di comodato stipulati tra Comune e Cooperativa. Il primo riguarda Villa Murabito a Casoli, la storica e affascinante dimora dell’artista celebre per i suoi sgraffiti, dove (nell’ex casa del custode) verrà riaperto l’ambulatorio per la comunità (già attivo in passato) attraverso l’accordo con i medici di famiglia dei paesani. Oltre a questo fondamentale e importantissimo servizio, nuovamente fruibile dagli abitanti, la presenza di un operatore del Girasole offrirà anche servizi di trasporto per anziani ed animazione generale per il paese.

L’altro accordo riguarda Valpromaro e la sua ex scuola elementare “Don Dino Chelini”, recentemente ristrutturata e riconsegnata alla comunità. Il Girasole si occuperà di organizzare iniziative a favore della popolazione, come il doposcuola per i ragazzi o cosi di yoga (già attivi da inizio estate), ma soprattutto darà vita ad un’attrezzoteca: verranno messi a disposizione di tutti alcuni attrezzi o utensili per il giardinaggio o per piccoli lavori di manutenzione, come il decespugliatore o la cippatrice per il legno.

Una nuova vita, quindi, per questi due immobili del Comune che ritrovano una funzione aggregativa e di vera comunità.

Il presidente Tomei

“Il contratto firmato questa mattina ci consentono di proseguire la nostra opera di servizio alla popolazione, in special modo quella dei paesi più distanti dal centro e che spesso necessitano di servizi basilari, come i trasporti o i momenti di aggregazione – racconta il Presidente de Il Girasole Samuele Tomei -. Un altro passo verso la comunità e verso chi ha specifici bisogni e determinate necessità”

Il sindaco Pierucci

“Luoghi in disuso che tornano a vivere e lo fanno con molta più efficacia e attenzione: questo è il senso delle due convenzioni che il Comune ha stipulato – spiega il Sindaco Marcello Pierucci -. Abbiamo ristrutturato quegli immobili e li abbiamo restituiti alla comunità. Adesso li arricchiamo con servizi importanti, come il trasporto e l’ambulatorio, e ne riscopriamo la vocazione aggregativa, che, specialmente nelle frazioni collinari, deve continuare ad essere sostenuta. Le nostre colline godranno sempre della massima attenzione da parte dell’Amministrazione Comunale: le esigenze sono diverse, ma le risposte devono essere ugualmente efficaci ed esaurienti”.