MASSAROSA – Riparte il progetto Casa della Salute

Il progetto per la Casa della Salute all’ex magazzino comunale riparte. Sopralluogo in sede con tecnici Asl e tecnici comunali

Sopralluogo all’ex magazzino comunale per riprendere e portare avanti il progetto della Casa della Salute, oggi Casa di Comunità. Sul posto l’Amministrazione Comunale insieme ai responsabili dell’area tecnica di Asl, ing, Nicola Ceragioli ed ing. Alessia Mutti e ai tecnici comunali.

La sindaca Barsotti

“La volontà dell’amministrazione è di realizzare la Casa di Comunità negli spazi dell’ex magazzino comunale vicino alla piscina e alle scuole – spiega la Sindaca Simona Barsotti – è il luogo ideale per le ragioni che abbiamo sempre sostenuto, ossia la disponibilità ed adeguatezza dell’immobile, la logistica, la viabilità, i parcheggi. Ci sono tutte le condizioni per realizzare una struttura che migliorerà nettamente l’offerta di servizi socio-sanitari per i nostri cittadini”.

In tempi brevissimi l’Amministrazione porterà in consiglio comunale la convenzione tra Comune ed ASL dove saranno dettagliati i vari passaggi, tempi, impegni e azioni da mettere in campo. Già nelle prossime settimane ulteriori verifiche dei tecnici permetteranno di definire gli interventi necessari.

Il vicesindaco Rosi

“Ci sono un milione e mezzo di euro a bilancio in Regione Toscana per questo progetto – spiega il vice-sindaco ed assessore alla programmazione strategica Damasco Rosi – vogliamo fare presto e bene per dare un servizio di qualità e di facile accesso ai nostri cittadini. L’ex magazzino comunale è già stato oggetto sotto il mandato Mungai di variante urbanistica per destinarlo a quella finalità e da lì si riparte. La Casa di Comunità riunirà infatti in un unico edificio i servizi socio-sanitari di primo e secondo livello come gli ambulatori specialistici, i servizi di pre e post ospedalizzazione, il medico di famiglia, i servizi amministrativi, il cup, etc. Una realtà che manca a Massarosa e che finalmente vede il riprendere delle azioni che porteranno alla sua realizzazione che è uno dei punti centrali del nostro programma di mandato”.