TEATRI – Ariacs: piena sintonia con Gianluca Floris

Clausole contrattuali per gli artisti in caso di cancellazioni e regolamentazione legislativa della figura di agente-rappresentante-manager

Pubblichiamo il comunicato stampa dell’Associazione Rappresentanti Italiani Artisti Concertio e Spettacoli (ARIACS)


Oggi 10 dicembre 2020 Ariacs ha partecipato con il suo presidente Franco Silvestri alla riunione plenaria del tavolo permanente istituito dal Dipartimento Spettacolo dal Vivo del Ministero per i Beni e le Attività culturali insieme a oltre 80 realtà appartenenti a tutto il variegato mondo dello spettacolo che hanno portato alla attenzione del Ministero le cogenti problematiche che stanno affliggendo il settore.

Ariacs ha trovato perfetta convergenza nelle tematiche con tutti coloro che sono intervenuti in linea generale sia sui problemi dei finanziamenti sia sui problemi del lavoro, ma soprattutto una profonda sintonia si è verificata con il presidente di Assolirica, Gianluca Floris, riguardo ai temi più specificatamente afferenti al mondo della lirica ed, in parte, della sinfonica e concertistica. Abbiamo sollecitato il ministero su diverse problematiche compatibilmente con i pochi minuti che erano concessi per gli interventi ed in particolare:

1) urgenza della determinazione di clausole contrattuali a favore degli artisti in caso di cancellazioni per covid o altre cause sanitarie;

2) urgenza della regolamentazione legislativa della figura di agente-rappresentante-manager che colmi il vuoto legislativo causato dalla abrogazione della legge 8/1979 e che da 10 anni fa vivere il settore del management in una sorta di far west e che recentemente è stato oggetto di indagini della procura di Torino;

3) evasione in via positiva delle domande sui contributi a fondo perduto accettate con riserva a causa di defaillance ministeriali nella richiesta dei documenti;

4) istituzione di tavoli settoriali dopo questa prima assemblea plenaria al fine di poter eviscerare gli argomenti specifici dei vari settori. Ariacs esprime un plauso al Ministero per i Beni e le Attività culturali in particolare alla disponibilità del Direttore Generale dott. Onofrio Cutaia per avere seguito con attenzione e partecipazione tutto il lungo corso della assemblea.