COMMENTI, PENSIERI BREVI - Pier Franco Quaglieni

L’obiettivo oggi è uno solo: impedire che la barca coli a picco

di PIER FRANCO QUAGLIENI – Il discorso di Mattarella è destinato a passare alla storia perché ha posto le basi per salvare la Nazione.

Il discorso del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella di ieri sera è destinato a passare alla storia perché ha posto le basi per salvare la Nazione. Era molto  tempo che non mi sentivo più’ orgoglioso di essere italiano. Da stasera il pessimismo totale che il governo Conte aveva provocato in tanti Italiani, non ha più le giustificazioni di prima. Certo, ci troviamo in condizioni drammatiche perché la  pandemia non affrontata adeguatamente e la crisi economica devastante rischiano di mandarci a fondo. Ma il richiamo del Quirinale di ieri sera è oggi l’unica ancora di salvezza. Mattarella ha preso atto del fallimento di Conte ed ha spiegato dettagliatamente e in modo inoppugnabile i gravi motivi per cui non si può in queste condizioni andare al voto .

In altre condizioni la strada del voto sarebbe stata la più naturale, ma oggi non è materialmente praticabile. Chi afferma il contrario è in malafede. Solo un governo autorevole, espressione del Presidente, può salvare l’Italia. Tutti i parlamentari che vogliano davvero esprimere la volontà dei cittadini, devono in coscienza votare il nuovo governo che sarà un nuovo governo Ciampi. Non esistono uomini della Provvidenza, non sono  certo riproponibili Monti e i suoi ministri che hanno aggravato i problemi,  senza risolvere nulla. Ma la drammaticità dell’ora ci impone di accantonare  le divisioni di parte e di riscoprire i valori nazionali, anzi, senza retorica, direi il valore della Patria,  incarnato dalla figura del Presidente della Repubblica super partes.

Nessuna polemica strumentale è accettabile, occorre disciplina da parte di tutti i cittadini, i casinisti di professione, gli amanti delle urla in piazza devono tacere. La politica ha fallito. Il Pd ha legato le sue sorti a Conte e ai responsabili: un suicidio. Pochi hanno capito che Renzi poneva dei problemi reali che erano stati trascurati ed erano incancreniti. La politica deve rifondarsi per salvare la democrazia. Una certa politica è morta e il presidente Mattarella ieri ne ha firmato l’atto di morte. Quell’atto di morte può segnare la rinascita dell’Italia e una nuova primavera della democrazia. Io continuo a credere nei partiti, ma non in questi partiti guidati da persone di bassissimo rango. I politici che si mettessero di traverso, sarebbero dei traditori della Patria. Le polemiche vanno accantonate. L’obiettivo oggi è uno solo: impedire che la barca coli a picco